In pochi conoscono la differenza tra essere genovesi ed essere di Voltri
Sito di VOLTRI
Comune di Genova
Provincia di Genova
Il punto più a nord del Mare Mediterraneo Occidentale
44 24' 59" - Latitudine NORD
8 45' 8" - Longitudine EST
  Libro degli ospiti   Forum di Voltri   webcam   meteo Scrivimi








Questa pagina vuole dare le notizie di ciò che succede a Voltri, inoltre vuole raccogliere tutte le curiosità, le leggende, i fatti strani e tutto ciò di particolare che è collegato a Voltri.
Hai notizie o curiosità su Voltri? Scrivimi, così questa pagina diventerà sempre più utile e anche divertente.


Ritorna alle curiosità


La "Cá de Anime" fra leggenda e verità storica.



Nei giorni scorsi (febbraio 2001) un'importante testata giornalistica genovese ha narrato di strani fenomeni paranormali, cioè fantasmi che hanno disturbato la quiete in alcune case di Voltri. Ovviamente il fenomeno è da ricollegarsi ad alcuni bontemponi che hanno pensato di terrorrizzare e di farsi quattro risate alle spalle del prossimo.
Vi vogliamo invece segnalare una storia "da brividi" che è legata al passato storico della nostra delegazione: la "Cá de Anime".
Narra il Dall'Orto (Carlo Dall'Orto: Voltri, antologia di fatti e personaggi, scuola tipografica opera SS Vergine di Pompei, Genova edizione 1962) che, due secoli fa, sull'antica strada del Giovo, detta anche delle Capanne o Cannellona, arteria sulla quale le merci dello scalo di piazza Lerda proseguivano per la Lombardia e il Piemonte, si trovava, a poco più di un chilometro da Voltri, un albergo. Migliaia di pellegrini, mercanti, uomini d'affari, artigiani percorrevano ogni giorno la strada a piedi, a dorso di mulo o in calesse; l'albergo, unico posto di ristoro per chilometri che si trovasse sull'erta via, era perciò molto frequentato.
Proverbiale l'accoglienza che i tenutari dell'albergo (in realtà briganti senza scrupoli) riservavano ai clienti, specialmente a quelli più danarosi.
Una delle stanze poste in uno dei più tranquilli angoli della casa era tenuta a disposizione di questi "speciali" ospiti. Ma la pace che questi ultimi trovavano in quella stanza, mai avrebbero potuto raccontarlo ad alcuno, visto che sarebbe stata "pace eterna!": il soffitto mobile di questa stanza, calandosi nel cuore della notte sull'ospite "di riguardo" addormentato ne provocava la morte, senza che alcuno, vista l'ubicazione della stanza, potesse udirne le grida. I gestori potevano così impossessarsi del denaro dell'ignaro cliente.
"La lentezza delle comunicazioni, il brigantaggio delle strade, i cento e cento pericoli di un lungo viaggio favorivano l'impunità degli assassini, anche quando all'autorità veniva denunciata la scomparsa dei poveri viandanti, i cui corpi, sepolti nottetempo nel folto dei boschi circostanti, nessuno più trovava" (op. cit., pag. 51).
In realtà pare che alla fine, forse a seguito di una "soffiata" di uno dei briganti pentiti, gli assassini siano stati arrestati. Ma i corpi degli ignari viandanti? Dall'Orto racconta che nel 1955 alcuni contadini ritrovarono, a circa 500 metri dalla casa incriminata, le ossa di un cadavere sepolto in un sacco di liuta, che una perizia necroscopica appurò essere appartenuta ad un essere umano "di epoca assai remota".
La prova scientifico-storica di questa "Cá de Anime" non è però mai venuta alla luce, secondo il Dall'Orto, che spiega però anche come questo macabro resto potesse essere il corpo "di uno dei caduti delle molte battaglie combattute nella zona".
La "Cá de Anime" della Cannellona è quindi ancora avvolta nel mistero...

A cura di Natasa Podlesnik.


Ritorna alle curiosità

I FANTASMI A VOLTRI
A Crevari esiste una "Cá de anime" (casa delle anime - infestata dai fantasmi).
La casa è una di quelle antiche, con i lunghi chiodi fatti a mano che si fabbricavano una volta a Masone e ancora resistono arruginiti e contorti tra i travi del tetto, risale al 1700 ed è stata acquistata per essere restaurata.
Durante i lavori di ristrutturazione il proprietario ha trovato, appoggiata in un incavo tra le travi del tetto, una vecchia moneta che, è stato appurato, risale proprio al 1700.
Le ipotesi sono due: la prima è che potrebbe essere stata nascosta ed in seguito dimenticata dai precedenti proprietari o potrebbe essere caduta dallla tasca di uno dei muratori che lavoravano alla costruzione della casa. Ma è credibile che un muratore del 1700 girasse con una moneta in tasca? E perchè andare ad appoggiare una moneta tra le travi del tetto quando ci sono posti più sicuri e facilmente raggiungibili dove nasconderla? Interrogativi senza risposta.
Ma altri fatti inspiegabili sono legati a questa dimora.
Un amico dei proprietari viene ospitato per qualche giorno, ma, dopo la prima notte trascorsa fra quelle mura diroccate, si rifiuta di soggiornarvi ancora. I proprietari gli chiedono una spiegazione e, con stupore, si sentono rispondere che quella casa è "abitata" dai fantasmi.
Il racconto è dettagliato, pare che quando cala la notte si vedano ombre negli angoli bui, si "sentano" rumori inspiegabili come se scorresse acqua là dove non esiste un corso d'acqua, una scopa che raspa il pavimento per tutta la notte, la tv che si accende da sola. Quest'ultimo episodio viene anche confermato dalla padrona di casa che afferma: "Sarà un contatto...".
I proprietari indagano.
Circolano molte voci di episodi legati a quell'abitazione: la leggenda vuole che ciò sia legato ad un duplice ed efferato omicidio perpetrato contro due donne (madre e figlia) che ospitarono due viandanti e pagarono con la vita la loro generosità.
Da allora, le anime delle due sfortunate vagano cercando la pace...forse.

A cura di Natasa Podlesnik - VOLTRI OGGI - marzo 2001.


Ritorna alle curiosità

voltri VII voltri VI
David Smith è uno scultore americano nato a Decatur, nell'Indiana, il 9 marzo 1906 e morto vicino a Bennington, nel Vermont, il 23 maggio 1965 a causa di un incidente automobilistico. Ha studiato in diverse università americane, è stato ispirato anche dalle sculture di Pablo Picasso.
Nella sua vita viaggiò molto in Europa, visitando Francia, Grecia, Inghilterra, Russia e Italia.
Il suo viaggio in Italia fu richiesto dal Governo italiano nel 1962 per eseguire delle sculture per il Festival dei Due Mondi di Spoleto.
Come tutti gli artisti aveva bisogno di un'ispirazione per produrre queste opere e quale fu la località migliore per ottenere questa ispirazione? Naturalmente Voltri!
In questo periodo fece 28 sculture alle quali diede il nome di VOLTRI seguito da un numero romano.
Molte di queste sculture moderne sono ospitate nei più importanti musei del mondo come Guggenheim di New York, National Gallery of Art di Washington D.C., Tate Gallery di Londra.
Purtroppo nessuna di queste opere è tornata a Voltri

voltri VII


Ritorna alle curiosità

Il Capitano Enrico Alberto D'Albertis è nato a Voltri il 23 marzo 1846 da Filippo e da donna Violante Giusti.
A 16 anni si arruola nella Marina Militare dove ha l'opportunità di imbarcarsi su navi che compiono crociere intorno al mondo acquistando pratica ed esperienza tanto che a 23 anni poteva lasciare la Marina Militare per entrare in quella mercantile in qualità di comandante. Al comando dell' Emilia con rotta per le Indie lascia Genova il 12 settembre 1870, passa il canale di Suez (è il primo comandante italiano a farlo) e approda a Calcutta dove sosta due mesi per allacciare relazioni commerciali e diplomatiche.
Tornato a Genova nel gennaio del 1871 lasciò il comando della nave e si mise in viaggio per conoscere meglio le città dell'Europa centrale. Al suo ritorno acquistò il cutter "Amalia" con il quale cominciò a dilettarsi in crociere mediterranee. Nel 1875 si fa costruire un nuovo cutter che battezza "Violante", il nome di sua madre. Con il "Violante", in accordo con il marchese Doria, direttore del museo di storia naturale, dedica la sua attività a ricerche scientifiche sulle caratteristiche del Mare Mediterraneo, alghe, flora e fauna.
Durante una di queste traversate visitò Caprera dove venne ricevuto con cordialità da Garibaldi. In occasione del quarto centenario della scoperta dell'America fece riprodurre da Ugo Costaguta i modelli delle tre caravelle che regalò al museo navale di Pegli e si fece costruire uno yacht da 50 tonnellate da Briasco a Sestri Ponente. Con il "Corsaro", così si chiamava la nuova imbarcazione, partì il 3 giugno 1893 per ripetere il viaggio di Cristoforo Colombo con equipaggio composto interamente da voltresi. Dopo una traversata tranquilla di 3850 miglia, sbarcò a San Salvador il 20 luglio accolto festosamente dagli indigeni.
Proseguì per New York dove unitosi alla squadra navale regia qui ormeggiata, fu fatto segno di manifestazioni di compiacimento per la grande impresa compiuta. Lasciato quel porto insieme alla flotta italiana, dopo un avventuroso viaggio entrò a Tangeri salutato con salve di cannone dal comando marittimo di quel grande porto.
All'inaugurazione del canale di Kiel nel 1895, vi si reca in rappresentanza dell'Italia ma, al ritorno, nello stretto di Calais, il "Corsaro" va a picco. Dopo questa disavventura si dedica allo studio e messa in opera di meridiane che dipinge sulle facciate delle chiese di tutta Italia (tra le quali quella della facciata della chiesa di S. Erasmo a Voltri nel 1916), per un totale di 104 messe in opera. Il D'Alberis scrittore non è certo da meno del marinaio e son ben 12 i volumi che portano la sua firma. Nel 1878 è socio fondatore del R.Y.C.I. di Genova e nel 1898, formatosi a Voltri il circolo velico "Vulturium" ne diventa il presidente.
Fu giudice di regata stimatissimo dal Duca degli Abruzzi e dall'ammiraglio Cagni. Meno fortuna godé come regatante, arrivò sempre al secondo posto.La città di Genova gli dedicò una medaglia con l'iscrizione: "Al capitano D'Albertis, navigatore, esploratore, scrittore forte anima di ligure che gloria di Colombo --- rievocò negli scritti, perseguì sui mari --- la città di Genova--- offre ---- XII ottobre MCMXXV".
Muore a Genova il 3 marzo 1932 e viene tumulato a Staglieno.
a cura di Andrea Boccone


Ritorna alle curiosità

Luigi Maria D'Albertis
Il 4 settembre 1902 la salma di Luigi Maria D'Albertis, notissimo zoologo, viene cremata al Molo Lucedio.
L'avvenimento di importanza storica perch la prima volta che il fatto avviene in Genova. Il grande esploratore era morto a Sassari l'anno prima alla presenza del cugino, il capitano Enrico D'Albertis al quale aveva espresso il desiderio di essere cremato.
Luigi era nato a Voltri il 21 novembre 1841, primogenito di Domenico Desiderio D'Albertis (1808 - 1850) e di Angela De Ferrari, nella villa a 4 piani presso la foce del torrente Leira, di fronte al lanificio di Famiglia, ubicato sulla riva opposta ai piedi della Villa. Di spirito avventuroso si arruola, lui diciannovenne, al seguito di Garibaldi suo mito, suo tutto, suo universale modello. Arriva in tempo e si distingue nella la battaglia di Milazzo. Al ritorno dalla Sicilia si dedica ai viaggi in estremo oriente e in Australia per arricchire di flora e fauna i musei della sua Genova.
Viaggi avventurosi e importantissimi i quali ben vengono descritti nel libro di Stefano Repetto uscito per la SO.CREM (soc. cremazione) nel 2002. Nel 1793 i D'Albertis, fondano un lanificio a Voltri che nel 1896 viene rilevato dalla famiglia Bona, questi cessano l'attivit nel 1935. In seguito diventa saponificio fino al 1965.
a cura di Andrea Boccone


Ritorna alle curiosità

Nato nel 1863, Emilio Parodi a 24 anni fu ordinato sacerdote. Per due anni insegnò nel collegio dei Figli di Maria, di cui era rettore il voltrese padre Piccardo, quindi, laureatosi in lettere a Pavia e in giurisprudenza a Genova, dal 1896 fu professore di lettere in seminario e, dal 1898, insegnante di diritto nella pontificia Facoltà Giuridica Genovese. Dopo una breve permanenza al Vittorino da Feltre, dal 1902 al 1920 fu preside della Scuola Tecnica di Voltri e, dal 1922, dell'Istituto Comunale di Varazze. Morì nel 1954.
Parodi si dedicò allo studio della storia voltrese, raccogliendo molte ed interessanti notizie che purtroppo, alla sua morte - non avendole stampate - sono andate perdute.
Di lui ci restano una bella lirica: A te mia Voltri pubblicata dalla tipografia Giavino nel 1924 e una serie di sonetti inediti.
Della prima ecco alcune quartine:
A TE, MIA VOLTRI
Ti rivedo dal mare, o Voltri mia
mentre sul Bricco degli uccelli il sole
par che s'indugi e l'onde senza scia
tinge al cader di rose e viole.

In fondo al golfo ligure ti stendi
poggiata il capo presso la scogliera
di Crevari imminente e l'occhio intendi
sopra il Tirreno e lungo la riviera.

Che sotto ai colli lieti di verzura
come trina d'argento, corre al faro
ove cinta di forti e d'alte mura
Genova ride sopra il flutto chiaro.
Sopra t'è il colle ove s'aderge bella
Villa Galliera su per la pendice
e ancor più in alto, come vaga stella,
Maria di Grazie guarda e benedice,

Sfuma nel ciel lontano l'Appennino
e piega l'arco azzurro in ver ponente,
come diadema, e, in mezzo, sul Turchino
e sui colli minori, estolle il Dente.


Ritorna alle curiosità

Durante una delle sue periodiche permanenze a Genova, chiede all'amico Montuoro di cucinare a Voltri, dove si sono recati in gita, gli adorati maccheroni alla napoletana: ... il Montuoro, non fidandosi dei commestibili che troverebbero in Voltri, accett a condizione di far le provviste personalmente in citt. Il Verdi di buon animo lo accompagn nelle tortuose straduzze di Genova e dovette caricarsi di burro, di formaggio, di conserva di pomodoro, mentre l'amico portava in braccio, come un neonato in fasce, il rotolo bene avvoltolato dei maccheroni. Arrivati a Voltri in compagnia della signora Verdi e del Mariani, se vollero pranzare dovette il Verdi, reso feroce dall'appetito, accendere il fuoco in cucina e soffiarvi per un quarto d'ora mentre il Montuoro preparava con l'austero raccoglimento del napoletano gli ingredienti per condire i maccheroni aiutato dal Mariani e un po' anche dalla signora Verdi.

un ringraziamento per l'aiuto al dott. Pierluigi Bruzzone


Ritorna alle curiosità

Da uno studio effettuato dal prof. Bruno Fabbiani risulterebbero due cose nuove relative alla Bibbia stampata da Gutenberg.
La prima è che non sarebbe stato il primo libro stampato con la tecnica a caratteri mobili; la seconda cosa, più importante per noi, è che sarebbe stato stampato su carta di origine voltrese (come la Magna Charta).
Secondo gli studi che il prof. Fabbiani ha condotto assieme ai laboratori chimici ILTE di Moncalieri, la carta utilizzata per la stampa delle prime due edizioni della Bibbia avrebbe a che fare con Voltri e più precisamente con l'Acquasanta. Gli esami chimici avrebbero evidenziato nella carta una forte presenza di canapa e lino provenienti dalle vele e dai cordami delle navi genovesi.
L' indagine storica ha permesso di ricostruire che il maestro cartaio che produsse la carta per la Bibbia era Guglielmo Medicis, un astigiano che con molta probabilità aveva imparato il mestiere proprio all'Acquasanta.


Ritorna alle curiosità

Pietro Traverso di Carlo, avvocato, nato a Pra' il 6 maggio 1833 e morto a Villa Gualtieri Maddaloni durante la battaglia sul Volturno il 1 ottobre 1860, entra nei personaggi storici voltresi per aver abitato in via Voltri nel palazzo di fronte all'ex Verrina




L'industriale Carlo Traverso era proprietario della fabbrica di pellami detta la "pellaia", dove oggi esiste la targa commemorativa che, dal 1885, ricorda il figlio Pietro Traverso.
Carlo e Pietro erano entrambi Consiglieri comunali del municipio di Voltri per cui, nel 1860, alla chiamata, seppur volontaria, per la spedizione dei Mille di Garibaldi, Pietro non poteva sottrarsi al dovere e part da Quarto con gli altri. Combatte da Calatafimi a Milazzo; al Volturno il 1 ottobre, il pi grande combattimento di tutto il Risorgimento, finisce la sua avventura, proprio nella campagna conclusiva; il destino riserva sempre queste luttuose fatalit. Proprio qui a Villa Gualtieri al Quartier Generale garibaldino, mentre Bixio con la sua divisione, incalzato dal nemico che lo prende a fucilate, costretto a entrare fra quelle mura protette dai cannoni.
Dopo aver causato gran danno di vite umane fra cui, il Nostro Traverso, il nemico rallenta stranamente l'intensit dell'attacco. Bixio ne approfitt si riordin subito e contrattacc. Il generale borbonico Balestreros (si dice su ordine della massoneria) non raggiunse Ponte del Vento (grande enorme acquedotto dalla posizione imprendibile e facilmente difendibile da ogni lato) nei tempi prestabiliti e Bixio, anticipandolo se ne impossess. Alle 5 pomeridiane, Nino Bixio, pot inviare il messaggio a Garibaldi:"Vittoria su tutta l'ala destra".
A battaglia terminata fra i 306 morti, giaceva il Nostro che, probabilmente, venne sepolto a Sant'Angelo in Formis con altri garibaldini.
A cura di A. Boccone


Ritorna alle curiosità

La sua attivit, secondo la traccia ricostruita da Alizeri (1870), prende in effetti avvio con un decennio d’anticipo rispetto al vero, poich la data 1385 della prima citazione documentaria si deve leggere in realt 1395. Lo ha rivelato un riesame diretto dell’atto notarile originale (reperito da M.F.Giubilei in ASG, notaio Oberto Foglietto senior, filza 1, 1394-95, sc.29, e controllato da L.Balletto), che perci solo a quella data lo designa pictor e civis, facendo intuire cos una sua presenza e operosit a Genova consolidate da almeno un decennio. Alla luce di questo assestamento cronologico, pare opportuno giudicare il nesso con Barnaba da Modena (attivo a Genova fra 1361 e 1379-80) essenziale dal punto di vista della sua formazione artistica ma prevalentemente indiretto. Ribadita risulta per contro la centralit del legame di dipendenza dal senese Taddeo di Bartolo, che soggiorn in citt a partire dal 1393 (Venturi 1918, Pesenti 1970, Migliorini 1977, Fusconi 1978). Proprio nel suo segno, infatti, Nicol si affaccia – e non pare un caso – alla storia documentata, in una correlazione che fu diretta, anche biografica, come attesta l’atto notarile del 1394 (ASG, notaio Cristoforo di Revallino, filza 7, 1394) che lo cita tra i mallevadori del maestro immigrato: questo , dunque, il primo documento noto del Voltrese. Nella sua cultura di pittore "trecentista di scuola e di massime" (Alizeri 1870, p.192), quest’incontro fu un importante fattore di aggiornamento tecnico e linguistico, il richiamo ad una pi acuta sensibilit cromatica e chiaroscurale e ad una maggiore finezza esecutiva e decorativa che lo condusse ad una notevole affermazione, nell’ambiente genovese. Di tale successo – in parte ascrivibile proprio al tono "medio" del suo linguaggio, alla sua capacit di captare esigenze di gusto diffuse – segno anche la nomina, nel 1415 (Alizeri 1870, p.210), ad elettore dei Consoli dell’Arte per la riforma dello Statuto dei pittori e degli scudai. Solo in parte nota, la sua produzione fu piuttosto ampia e divenne una componente essenziale di quel nesso artistico che , fra Tre e Quattrocento, leg Genova al litorale, all’entroterra e al Piemonte sud-occidentale (Rossetti Brezzi 1978-79). Che la sua affermazione si dati nei primi anni del XV secolo, e non prima, si pu desumere dal fatto che i documenti d’archivio concernono soltanto la fase "taddeiana", che le opere datate siano tutte protoquattrocentesche e che la produzione anteriore – in parte giovanile e "barnabiana" – sia stata individuata unicamente su base stilistica. Per datare questa – ovvio – il post quem del 1385 non pu orami esser impiegato, anche se il 1393 della venuta di Taddeo funziona ancora bene come ante quem. Tale fase accoglie rarissime opere, le Madonne di Santa Maria di Finalpia e di Nostra Signora della Costa a Sanremo (Lamboglia-Silla 1951, Rotondi 1952 e 1952, ma questo settore del suo catalogo sembra suscettibile, oltrech di revisioni (come quella avviata da Algeri 1986, p.20), anche di arricchimenti sostanziali. Mostrano determinante impronta taddeiana – oltre alla predella di cui si tratter pi avanti – la Madonna di San Donato (Venturi 1918), firmata; i polittici di San Colombano (Rotondi 1960), di San Pietro di Vesima ora a Gabiano (datato 1400: Migliorini 1977) e di Nostra Signora delle Vigne (Pinacoteca Vaticana; firmato e datato 1401), nel quale si coglie il filtraggio parallelo di motivi senesi e pisani. Da ricordare, infine, il San Giorgio e il drago di Termini Imerese, firmato, una Madonna in collezione privata (Rotondi 1952; cfr. Pesenti 1970 e Migliorini 1977) ed un’altra, oggi a Baltimora, ricollegabile anche ai modi del pisano Turino Vanni, e perci databile dopo il 1405. Una vasta parte della sua produzione (e tutta – pare – quella parietale) perduta: dal polittico di San Teodoro di Genova (firmato e datato 1400, secondo Soprani 1674, p.11) alle opere nizzarde (tabernacolo e affreschi per la Cattedrale, 1401 e 1409; decorazione del convento dei Minori e della chiesa di Santa Maria, 1410), fino all’ultima documentata, l’ancona per Sant’Olcese in Val Polcevera, del 1417 (Alizeri 1870).


Ritorna alle curiosità

Il 24 ottobre 2004 è stato inaugurato LARGO MALASPINA
Lo slargo in Via Buffa dove è sito il capolinea del 199 è stato intitolato al Dott. Ferdinando Malaspina (1913-1961). Durante i suoi 47 anni di vita ha dato molto a Voltri e località limitrofe; è stato presidente della Croce Rossa, presidente della S.S.N. Mameli, promotore principale della strada che porta a Crevari, promotore della costruzione della piscina comunale di Voltri e molto altro ancora.
Laureato in medicina e chirurgia nel 1938, tenente medico in Russia; tornato in Italia, a volte saliva di notte fino al Faiallo, evitando i tedeschi, per curare i partigiani feriti.
Ancora oggi è ricordato dalla gente di Fabbriche, Fiorino, Crevari, Acquasanta, Mele dove svolgeva il lavoro di medico condotto.


Ritorna alle curiosità

È uscito il nuovo libro su Voltri scritto da Angelo NESTA, Andrea BOCCONE e Giorgio BRUZZONE. questo libro esce dopo la loro ultima fatica intitolata "LE VIE DI VOLTRI".
L'opera intitolata "Saluti da Voltri" è composta da 160 riproduzioni fotografiche di cartoline di Voltri e del suo entroterra del periodo primo 900 accompagnate da una breve didascalia e suddivise in vari capitoli (val Leira, val Cerusa, S. Ambrogio, S Erasmo, i giardini ecc.).


Ritorna alle curiosità

Il "Gruppo amici Dino Moroni" che agisce sul territorio da poco tempo, riesce a perpetuare il ricordo e a sottolineare l'importanza e l'influenza di un uomo sulla propria comunità attraverso una borsa di studio da offrire a due studenti meritevoli.
La borsa di studio è dedicata agli allievi dell'Istituto Comprensivo di Voltri, individuati tra coloro che, una volta ottenuta la licenza media, si affacceranno al livello successivo della formazione scolastica.
Dino Moroni (1928-1996) era un notissimo direttore didattico, ma era molto più conosciuto per il continuo impegno politico, sociale e nel volontariato.


Ritorna alle curiosità

Un'oasi verde di 13.000 metri quadrati restituita ai voltresi.
Con una spesa di oltre 400.000 euro è stata creata una zona di relax e divertimento. I vecchi "colletti", zona molto nota ai "bambini ultra quarantenni" dove passavano molte domeniche primaverili è trasformata con zone picnic, panche, tavoli e barbecue; nel Bric Belvedere è stata ricavata una pista da ballo che servirà anche come eliporto, la vecchia cabina dell'ENEL è trasformata in osservatorio. I cani avranno una zona tutta per loro.
Questa zona del Bric Belvedere sarà gestita dagli stessi abitanti di Voltri 2 che abitano nel quartiere.


Ritorna alle curiosità

Largo CARLO DALL'ORTO
4 aprile 2009 - Inaugurato Largo CARLO DALL'ORTO
Finalmente è stato posto rimedio a una grava mancanza che Voltri ha fatto a uno dei suoi più illustri cittadini. Molti avevano richiesto a gran voce di dedicargli la biblioteca, poi intitolata a Rosanna Benzi. Pur non togliendo niente alla figura della Benzi, Dall'Orto aveva sicuramente più titoli per aver dedicata la biblioteca.
Oggi, alla presenza delle autorità, della figlia e di molti voltresi, stato inaugurato Largo CARLO DALL'ORTO, gli stata dedicata la piazza del capolinea AMT della linea 1.













Carlo Dall'Orto è nato a Voltri nel 1919 e morto nel 1981, era maestro elementare: il "maestro" per i voltresi; ha scritto sul Secolo XIX e sul Corriere Mercantile. È stato autore di molti libri su Voltri come "Voltri, antologia di cose fatti e personaggi", "Il diluvio a Voltri" magnifico libro sull'alluvione che ha colpito Voltri nel 1970 e "Usi, costumi, fatti e fatterelli della Voltri di cinquant'anni fa".
Molto bella una sua definizione di Voltri che ho messo nella homepage e che riporto qui:

  V OLTRI, che il mondo definì l'industre,
  O gni tua zolla m'è nel cor diletta;
  L ieve un sussurro del tuo mar mi detta
  T anti ricordi, ombrati di poesia.
  R esti tu sola, in tanta nostalgia,
  I l superstite amor di un tempo illustre.
Carlo Dall'Orto
"Voltri, antologia di cose, fatti e personaggi" - Vol. II - Ediz. Voltri 1967




Ritorna alle curiosità

CARLO DALL'ORTO
Carlo Dall'Orto nasce nel 1919 a Voltri.
I genitori conducevano una edicola di giornali. Carlo entr in seminario, si mise l'abito talare ma se lo tolse quando fin gli studi classici.
Uscito dal collegio, fu intruppato come tutti i giovani a fare marce premilitari: esercizi ginnici, salti nel fuoco, marce con fucile e maschere antigas.
Durante il periodo fascista, dato la sua dimestichezza con il clero, si era preso un compito pericoloso, quello di procurarsi il giornale l'Osservatore Romano, proibito dal regime e, venderlo segretamente ai fedeli di Don Sturzo. Nel 1939 viene arruolato nella Regia marina, ne passa di tutti i colori ma riesce a salvare la pelle.
Tornato a Voltri si dedica all'insegnamento come maestro elementare in pi, scrive assiduamente per il Secolo XIX e come argomento principale prende sovente gli avvenimenti voltresi, belli e brutti. Nel 1948 suo l'articolo che deplora l'attentato a Togliatti. Nel 1952, spinto dal dirigente sportivo Calcagno e da Malaspina, scrive diversi articoli per convincere le autorit amministrative a costruire una piscina a Voltri, cosa che si realizza nel 1954.
La passione per la Storia lo avvince, le si dedica come un terzo lavoro, si riduce ad uno scheletro ma, nel 1961 esce con il suo primo libro, "Voltri l'Industre" con copertina del pittore Luciano Boccone; un successo senza precedenti in un ambiente, quello voltrese, che non molto propenso verso la lettura.
Stringe amicizia con lo scultore americano D. Smith che, nel 1962 viene a Voltri e realizza 25 opere alle ex Ferriere Tassara.clicca qui per sapere di david Smith a Voltri
Seguono altri 6 libri fra i Quali in due volumi "Voltri, Fatti, Cose e Personaggi"; "Voltri di Cinquant'anni fa"; " Voltri allo Specchio"; "Il Diluvio a Voltri", sul quale mette tutto il suo sentimento e attaccamento alla sua gente colpita dall'alluvione del 1970.
Ormai Voltri conosciuto solo per i suoi scritti e quelli di Miroglio, altro scrittore inviso alle fazioni.
Molto scalpore suscit nella popolazione la mancata dedica della Biblioteca in favore della Benzi, la quale, poverina, non sapeva neanche che Voltri esistesse se non in cartolina.


Ritorna alle curiosità

20 giugno 2011
Il 4 aprile 2009 è stato inaugurato Largo Carlo Dall'Orto dal capolinea AMT della linea 1
Come mai dopo due anni l'AMT non ha ancora modificato le scritte sugli autobus?
Non è più via Camozzini
Attendiamo una risposta ... anche per rispetto ai parenti di Dall'Orto ...

Nonostante le ripetute richieste scritte, sia all'AMT che al vicesindaco di Genova, non ho ricevuto nessuna risposta
...la considerazione che le istituzioni hanno per il ponente ...

di seguito riporto in ordine cronologico l'iter che ha avuto la richiesta di cambio di denominazione
probabilmente quando passer il primo autobus con la nuova scritta molti a Voltri si autocelebreranno prendendosi il merito di essere stati gli artefici di questo risultato ... se già non lo staranno facendo ... ma a VOLTRIWEB questo non importa, l'importante è aver appianato un'ingiustizia

20 luglio 2011 - riceviamo una prima risposta dal gabinetto del Sindaco:
Le inoltro di seguito la risposta trasmessa dal dott. Pellegrino di AMT al Vice Sindaco dott. Pissarello in data 6 luglio u.s.
Poich, come si legge nella mail, AMT richiede il parere del Municipio, stata nostra cura trasmettere subito tale richiesta alla segreteria del suddetto, con preghiera di risposta sia a noi sia al Vice Sindaco.
Cordiali saluti,
Patrizia Notte
"La linea 1 ha la denominazione Voltri - via Camozzini non per un errore o una svista dell'azienda ma indica la localit, in questo caso Voltri con l'ultima via percorsa dalla linea. Sino ad oggi questa dicitura non ha mai creato confusioni, tuttavia siamo disponibili a cambiare nome se il Municipio lo condivide".

20 luglio 2011:
ho sollecitato con una mail il Presidente del Municipio VII Ponente, ma ad oggi non ho ancora ricevuto risposta
Sostenete tutti l'iniziativa e mandate anche voi una mail di richiesta al Municipio

17 agosto 2011:
nonostante la richiesta scritta via mail al Municipio, ancora oggi non ho ricevuto risposte ... attendiamo fiduciosi.

18 agosto 2011:
Leggete il sollecito sul BocconeAmaro

23 agosto 2011:
Mandata mail di sollecito per una risposta al Municipio VII

21 settembre 2011:
a distanza di un mese dall'invio della mail dove si chiede una risposta al Presidente del Municipio, e sconcertato dall'imbarazzante silenzio (mi hanno insegnato che è educazione rispondere alle domande), ho inviato un nuovo sollecito. Vi far sapere l'eventuale risposta.

7 ottobre 2011
Ricevo risposta dal Presidente del Municipio VII Ponente: la pratica è stata passata all'assessore di competenza, il sig. Milite. Purtroppo a causa della notevole mole di lavoro la risposta al problema non potrà arrivare molto presto.
Aspettiamo comunque una risposta dal sig. Milite.

12 ottobre 2011 - FATTO MOLTO CURIOSO!!! - tratto dalla pagina de Il Boccone Amaro e ... quando non si vuole conoscere Carlo Dall'Orto (di A. Boccone):
Il Consiglio di Amministrazione del VII Ponente ha deliberato positivamente per dedicare il largo dove fanno capolinea i bus a Carlo Dall'Orto, scrittore. Per fare una cosa simile occorrono riunioni del Consiglio, motivare le proposte, votare per maggioranza alla presenza dei 3 Assessori Morl, Marani, Milite, nonch il Presidente Avvenente.
Tutti informati sul caso.
All'inaugurazione del 4 aprile 2009 parlarono Avvenente, Marani, la Sindaco di Mele, Ferrando e io (Boccone). Il parroco Zaccaria Canepa benediva la targa e i parenti e i cittadini presenti applaudivano al giusto riconoscimento, avvenuto purtroppo dopo molti anni dalla morte.
Le foto che esponiamo parlano chiaro.CLICCA QUI PER VEDERLE
Succede che oggi Milite, dopo 2 mesi di silenzio presidenziale, si deve occupare di decidere sul fatto del digitale dei bus e dice che non sa chi sia Dall'Orto, che ha chiesto a diverse persone e nessuno di esse lo conosceva ma, allora, dov'era quando il Consiglio ha deliberato sulla targa? Sono passati solo 2 anni!
Quindi dall'atteggiamento dell'Assessore all'Urbanistica, Avvenente e gli altri, avrebbero dedicato una targa a un signor Nessuno. E hanno fatto discorsi commemorativi a una persona che nessuno conosce.
Questa tragicomica ...
Comunque per tutte le persone che non conoscono Carlo Dall'Orto abbiamo preparato QUI una breve biografia.

2 novembre 2011
Ottobre è passato e sia l'assessore Milite che il resto del Municipio sono silenziosi ... aspettiamo!!! e leggiamo quanto dice il BOCCONEAMARO:
Oltre ogni limite: Come si pu da una cosa della massima semplicit (mentre il nostro territorio sta languendo sotto un mare di problemi urbanistici che abbiamo elencato a pi riprese: amianto, marciapiedi inesistenti, frane, passeggiata, foce dei torrenti, ringhiere rotte, viabilit da intasamento continuo) farlo diventare una questione di fazioni come se il soggetto fosse stato un politico avverso.
Il 3 novembre 2011 ore 15, rimarr nella Storia come il "caso" Dall'Orto. Si perderanno inutilmente ore di discussione per ottemperare a prescrizioni gi definite in trincea: alzata di mano e ci che santamente logico verr calpestato dal numero, questo ormai un classico.
E noi ingoieremo l'ennesimo "rospo"? certamente! Ci voleva poco, dopo che il Comune di Genova aveva detto si e la societ dei bus, pure, a togliersi il "fastidio" e dedicarsi a cose utili.
No, stata scelta la via rischiosa di un ennesimo inasprimento. A meno che, viene il sospetto, non si voglia avere una platea come fu davanti alla Prefettura; solo per questo motivo potrei capire la manovra del Machiavelli temporeggiatore di casa nostra e le sue legittime ambizioni, il suo passaggio all'ala oriunda mettendo questa in difficolt per poi, andare a ricuperare il pallone e sostituire l'ala con l'uomo in panchina. Gioved ci dovranno spiegare l'arcano: si vorr buttare tutto in politica? Si vorr ridurre il soggetto a un personaggio e non a un protagonista? Con quale vantaggio per la fazione? Si vorr dire che in fondo, in fondo, la targa non la meritava? Vedremo, sentiremo.


3 novembre 2011 - Ritrattazione e retromarcia (tratto dal BOCCONEAMARO)
Capita a molti di andare a dormire con brutti risentimenti e svegliarsi il mattino dopo con uno stato d'animo diverso. Questo per dire che, gioved 3 alle ore 15, io (Andrea Boccone) e Angelo Nesta, siamo entrati nel salone del Consiglio scettici e siamo usciti fiduciosi. In breve, stato deciso da una commissione riunita che sia giusto che sugli autobus sia cambiato il digitale Camozzini con Dall'Orto; ci non si metter subito in pratica ma alla prima occasione per la quale saranno modificati gli orari in tabella alle varie fermate ...--->

3 novembre 2011 - VITTORIA
Alle ore 15 del 3 novembre 2011, si riunita una commissione che aveva come secondo intervento il caso Dall'Orto.
Parla per primo Milite che ripete non gli sembra il caso di approvare.
La Mariarosa Boggio dice che il caso, eccome se lo .
Prende la parola Letizia Grosso dice che non ha nulla in contrario per la targa del Largo, per l'autobus la cosa le sembra eccessiva; aggiunge "Dato che l'AMT in cattive condizioni economiche, direi che, se la cifra della spesa superasse, che dico, 100 Euro, ad esempio, direi di desistere.
La Boggio alza quattro fotocopie " anche queste costano, eppure moltiplicale per 15 consiglieri e vedi cosa salta fuori per niente ".
Non se ne sta la Grosso, si alza e va a telefonare, forse per chiedere la spesa alla AMT, oppure per i fatti suoi.
Nel frattempo la Michelini, presidente della commissione si convince del si, cos il consigliere Pastorino e un altro giovane di sinistra.
Molto chiara la posizione favorevole di Musumeci della destra.
Rientra la Grosso che sembra placata.
Prende la Parola l'Assessore Gozzi che dice che lui lavora alla AMT e la spesa sar niente perch quando le targhe delle fermate cambieranno orari , si metter anche Dall'Orto al posto di Camozzini a costo zero, per scritta digitale anche costo zero, lui favorevole.
L'Assessore Milite ripete "ma non lo conosceva nessuno. C' Camozzini da sempre", interviene il pubblico per dire che prima del 1936 era Corso Vittorio Emanuele e le targhe le cambiarono perch non farlo proprio adesso?
La segretaria Bignone con aria superficiale e scocciata chiede cosa deve scrivere sul computer, la presidente dice di mettere proposta accettata positivamente, e quando sar il momento, senza fretta, si metter in pratica.

Piccola nota del webmaster: ma se l'assessore Milite continua a dire che Dall'Orto non lo conosceva nessuno, perchè a suo tempo ha appoggiato la dedica dello slargo ad uno sconosciuto? Sarei curioso di avere una risposta dell'Assessore



Ritorna alle curiosità

Giugno 1912 - Giugno 2012
La linea "1" Voltri - Caricamento compie 100 anni

A Giugno la linea Voltri-Caricamento ha festeggiato i suoi 100 anni di attività, diventando la linea più vecchia/longeva dell'AMT. Quale occasione migliore per festeggiare questo traguardo correggendo la sua toponomastica errata?
Purtroppo, nonostante le promesse del Comune, dell'AMT e del Municipio VII Ponente, anche questa occasione è andata persa come potete leggere qui.
Consoliamoci leggendo le tappe più importanti di questo compleanno



Giugno 1912
La UITE (Unione Italiana Tramways Elettrici) abbina un numero ad ogni linea di trasporto e alla linea Voltri - Caricamento il 1 giugno 1912 viene dato il numero 1
1922
In questi 10 anni di attività quando il tram arrivava a Multedo incrociava la sua strada con i binari della ferrovia e, per sicurezza, il tram veniva staccato dalla rete elettrica e il convoglio attraversava il passaggio a livello trainato da cavalli. Quest'anno l'incrocio veniva elettrificato eliminando il problema
31 agosto 1924
Fino a questa data i tram e le automobili viaggiavano tenendo la sinistra come nei paesi anglosassoni, da quel giorno viene invertita la mano di marcia e si inizierà a tenere la destra come siamo tuttora abituati
1929
Vengono inseriti nella linea nuovi tram più spaziosi e confortevoli
1945
Alla fine della guerra la linea "1" ritorna ad effettuare un servizio regolare
1949
Inizia l'inserimenti di nuovi tram a grande capacità per accogliere i sempre più tanti passeggeri. Il completamento dell'inserimento avviene nel 1955
1950
Arrivano gli autobus con linee pi veloci e alla linea "1" viene affiancata la linea "A" Voltri - San Fruttuoso
1964
Il 26 maggio 1964 vanno in pensione i tram e nella linea "1" arrivano gli autobus
1965
Dopo i tram va in "pensione" anche l'UITE e la linea "1" passa sotto la gestione dell'AMT
1973
Nuovo "pensionamento": sparisce anche la linea "A" e le corse dell' "1" aumentano di frequenza
1983
Entrano in funzione nella linea "1" gli autobus doppi: gli autoarticolati da 18 metri
1989
A causa della completa pedonalizzazione di via Sestri la linea "1" cambia percorso di ritorno passando da via Puccini
2005
Tentativo di ridurre il percorso da Voltri a Sestri, ma a causa delle proteste "l'esperimento" dura poco e viene ristabilito il percorso Voltri - Caricamento
2009
Il 4 aprile 2009 il capolinea dell' "1" a Voltri viene intitolato a Carlo Dall'Orto, ma nonostante le proteste, le richieste all'AMT, al Comune e al Municipio VII Ponente viene mantenuta caparbiamente (e senza motivazioni chiare) la dicitura Voltri via Camozzini
2012
Il 1 giugno la linea compie 100 anni!!!



Ritorna alle curiosità

SEBASTIANO GAGGERO
di Sergio Calcagno
Poesia dedicata a Sebastiano Gaggero medaglia d'oro per la resistenza, scritta da Sergio Calcagno, voltrese trasferito a Sessa Aurunca

Dalle mie parti soffia la tramontana a primavera
ed festa di lenzuola e di gonne!
I gatti, poi, stanno distesi al sole
impigrendo la spiaggia.

Dalle mie parti i tetti delle case sono grigi
e madonne barocche ravvivano facciate adagiate su scogli.
Essenze di frittura impregnano i tramonti.

Dalle mie parti la gente un poco chiusa e la terra difficile a domare secca com'
ed aspra e montagnosa.
Si preferito il mare per necessit.


Dalle mie parti si combattuto a lungo sui torrenti pietrosi e i giovani di Voltri furono partigiani
e qualched'uno addirittura eroe!




Ritorna alle curiosità



Continua instancabile l'azione della Associazione Culturale le Voltritudini.
Questa volta, gli autori, escono con un libro improntato sulla tradizione pittorica che i voltresi hanno sempre coltivato nei secoli: dai graffiti sulle rocce, sempre presenti nel territorio, alle pitture paleocristiane, ai mosaici greco bizantini, alla necessit di pitturare le abitazioni per distinguere dal mare da lungi.
La rassegna di questo peculiare lavoro di ricerca per, si accontenta di partire da meno lontano nel tempo, dal 1300 ad esempio.
Si apre il sipario con una nutrita documentazione sul maestro Nicol da Voltri, si fa cenno a Francesco Neri Da Voltri e a Fra Daniello Da Voltri. Dopo un vuoto di circa 100 anni si approda ad un francescano del Cinquecento, Fra Simone da Carnoli ( La cena del Signore in Santa Maria degli Angeli).
Non hanno certo bisogno di presentazione i due grandi seicentisti voltresi Gio Andrea Ansaldo e Orazio De Ferrari con l'aggiunta di aneddoti "trascurati" da altri autori e oggi divenuti di attualit. Alcuni come i due Langetti, Filippo e Gio Batta, a Voltri ci sono soltanto nati, in quanto in tenera et, il primo prende la via di Firenze (la partita a carte) e l'altro, genio barocco, il pi famoso, quella di Venezia (Morte di Archimede) anche se in uno dei loro quadri si firmano con fedelt alla patria, firmandosi Da Voltri.
Lo scultore Nicol Tassara detto lo Schitta attivo fra il Seicento e i primi del Settecento a Campo Ligure, seguono Giuseppe Canepa e i suoi allievi Monteverde e Muzio che sfondano nel 1800. Gerolamo Graffigna notissimo a Toirano e Pietra Ligure. Il puro sangue Lazzaro Luxardo (1865-1949), Benvenuto detto il "Massucco", lo scultore Giuseppe Graffigna, Traverso, Levrero, il Grixiu, Carlo Nardelli e Luciano Boccone chiudono la rassegna.
Un totale di 140 intense pagine con foto delle opere pi famose. Completano il finale opere di artisti che hanno lasciato una traccia pittorica sul territorio voltrese, pur non essendo nati a Voltri: Gainotti, Aicardi, Montanella, Frascheri.
Mancano purtroppo i quadri del convento di San Francesco, fortunatamente ritornati, dopo rapimento e oggi in deposito presso i cappuccini di Via XX Settembre. Gli autori hanno scavato nei ricordi dei discendenti che hanno aperto i forzieri della memoria, non gi, per quelli famosi che basta prendere i testi per, ma per quelli meno noti come Gerolamo Graffigna che a Toirano e dintorni ha affrescato intere chiese.
Il libro di prossima presentazione presso il Municipio VII Ponente e sar a disposizione dei cittadini in occasione delle fiere di primavera in passeggiata.

A cura di Andrea Boccone




Ritorna alle curiosità

Voltri - Myanmar: solidariet senza confine
di Enrico Canepa - (aprile 2010)
Ancora una volta, Voltri ha risposto concretamente ad una richiesta di aiuto giunta dalla lontana terra dell'ex Birmania.
L'esperienza di un viaggio ha permesso ad un gruppo di persone di conoscere una realt nascosta ed invisibile agli occhi di molti. Il rapporto nato con l'associazione italiana di volontariato "Fratellanza" ha portato a mobilitare numerose persone ed associazioni per contribuire alla costruzione di una casa famiglia per bambini diversamente abili attraverso la realizzazione - sabato 17 aprile 2010, presso il Teatro del Ponente in piazza Odicini a Voltri - di uno spettacolo benefico messo in scena dalla compagnia teatrale "Il Sogno", dal titolo "Il sorriso di Dafne".
La serata si aperta con la lettura della lettera dell'arcivescovo di Yangon, capitale del Myanmar, Monsignor Charles Bo. Le sue parole di incoraggiamento e di ringraziamento hanno colpito la platea. Ancora una volta vengo a ringraziarvi per l'impegno che avete assunto [.] In questo Paese sono molti i bambini che soffrono per mancanza di istituzioni preposte alla loro sana crescita. Migliaia di essi ora usufruiscono dei benefici apportati dalla presenza di asili e scuole con mense, campi da gioco, orfanotrofi ed ambulatori medici [.] ora diventato realt anche il progetto di creare un centro per disabili. Era un sogno; oggi si sta concretizzando e il mio cuore pieno di gioia, commozione e gratitudine.
In questo Paese lontano, l'aspettativa di vita di 58 anni per i maschi e 64 anni per le donne. La mortalit infantile di 70 bambini ogni 1.000 nati. Questi dati collocano il Myanmar nella fascia dei paesi a basso sviluppo umano. E la solidariet costruita dall'associazione di volontariato Fratellanza ha fatto eco nell'animo dei voltresi che si sono stretti attorno a questa opera di aiuto al prossimo, coinvolgendo la cittadinanza, grazie al sostegno del Municipio VII Ponente.
E prima di lasciare spazio allo spettacolo, gli organizzatori hanno voluto ricordare due persone scomparse recentemente: Raimondo Vianello, attore e presentatore, apprezzato da molti e dalla compagnia teatrale Il Sogno, e Monsignor Alessandro Canonero, arciprete emerito dei santi Nicol ed Erasmo a Voltri, figura di riferimento per molte generazioni che, sempre, ha rivolto il suo operato verso gli ultimi.



Ritorna alle curiosità

Festa di San Giovanni Battista 23 - 24 giugno 2010
Organizzata dalla Pro loco VOLTRI 2000
Ecco alcune foto del falò (Foto di Lorenzo Davide) e dei fuochi artificiali (Foto di Vittorio Ottonello) durante la festa organizzata dalla Pro loco VOLTRI 2000



















Ritorna alle curiosità

Voltri - Un piacevole evento
di Andrea Boccone
Caro Grande Ufficiale Nicola Dentamaro, Vice Segretario Nazionale ENS.
Le comunico che il Sig. Tomaso Pizzorno, su proposta del Presidente del Consiglio dei Ministri, con D.P.R. in data 2 giugno 2011, stato insignito della distinzione onorifica di CAVALIERE dell'Ordine " Al merito della Repubblica Italiana ".
Auguri a Lei e al nuovo Cavaliere, con un saluto cordiale.
Gianni Letta


Fa sempre piacere quando un nostro concittadino si mette in evidenza.
Maggiormente quando succede che, con l'innalzare se stesso, riesce a tenere alto il nome del suo paese natale, Voltri, nel caso.
Sovente le due cose si compendiano e trovano la condivisione di una parte di cittadini, non solo sportivi. Voltri Web si associa alle felicitazioni del ministro, augurando al nostro Tomaso (Cilan, classe 1937) un futuro prodigo di successi.
Come pallanuotista del grande Recco vinse diversi scudetti e una Coppa dei Campioni. In un secondo tempo fu arbitro molto stimato in campo nazionale. In seguito, come coach della nazionale dei sordo-muti mieteva innumerevoli successi a livello olimpico, mondiale, europeo: un folto medagliere.



Ritorna alle curiosità

Non so se qualcuno avr gi avuto occasione di leggere questo foglio che da un po' di tempo circola per Genova; comunque io lo propongo per quelli che ancora non l'anno visto.
Si tratta di un tema svolto da un bambino che ha frequentato le scuole elementari a Voltri fra il 1909 e il 1919.
La scuola e i bambini di allora sono cambiati molto; forse risveglier qualche ricordo e sar l'occasione di sorridere traducendo gli errori ortografici di Oddone.

TEMA SVOLTO DA ODDONE IN TERZA ELEMENTARE

RACCONTA COME HAI TRASCORSO LE TUE VACANZE

Svolgimento

Le vacanze le ho passate come quelle dell'anno scorso che erano come quelle di due anni fa.
Stavolta in pi ho aiutato mio barba Berto che fa il caigaro e gli facevo deslenguare la peisce nel cassuolino; cos mio barba un giorno mi ha portato gi a Voltri che c'erano i banchetti e sui banchetti c'erano i sigari, i pescetti e i recanissi che me ne ha comperato uno che me l'ho sussato ben bene prima di mangiarmelo.
Dalle galline non ci sono andato tanto perch mi hanno beccato e ci ho dovuto mettere il diacolone, mentre dai conigli ci ho fatto anche il barconetto con mio pap.
M' piaciuto quella volta a S. Pietro, quando mia mamma ha fatto le lumasse e piump me le mangio tutte.
Tutti i depuidirnari andavo a pescare nel beo; una volta ho preso una salaccata che sono andato a bagno perch sono montato sullo scoglietto che sempre insavonato dove mia mamma e mia lalla ci roscentano i patelli.
Per queste vacanze sono state belle perch siccome ero promosso mio pap mi ha accattato una messoietta per segare l'erba e io mi sono demorato tanto che n'avr segato per cos.
E' bello stare in vacanza perch botte ne prendo solo a casa e no anche dalla maestra e poi se vado a scuola desprendo di fare i massetti di radicione.
Se per bisogna venirci a scuola dico: Va ben bello anche imprendere a leggere e a scrivere.



Ritorna alle curiosità



previsioni meteo

Inserisci qui la pubblicità del tuo negozio, del tuo ristorante, della tua attività commerciale

SCRIVIMI
per sapere come fare



RITORNA ALL'INIZIO